Premi “Invio” per andare al contenuto

Vittime amianto presso i cantieri navali di Palermo: due condanne

Il giudice monocratico di Palermo ha condanno due ex vertici aziendali presso i cantieri navali di Palermo a circa due anni ed otto mesi di reclusione per l’omicidio colposo plurimo di ventuno operai attivi negli anni nel cantiere, esposti ad amianto, e deceduti a causa di malattie asbesto-correlate.

I due uomini, in quanto in carico della sicurezza, non avrebbero adottato le necessarie misure atte alla prevenzione del rischio di esposizione degli operai.

Alcune delle imputazioni sono tuttavia andate prescritte.

I familiari delle vittime si erano costituiti parte civile e dovranno agire in diversa sede per il risarcimento del danno biologico e da perdita parentale.

Ad Inail sono stati inoltre riconosciuti circa 500.000 euro quale provvisionale da subito esecutiva per gli indennizzi dell’assicurazione sul lavoro.

Fonti e Rassegna stampa

La notizia è stata diffusa da diversi organi di informazione online. Per approfondimenti si vedano a titolo di esempio l’articolo della redazione del Giornale di Sicilia e della redazione di La Repubblica Palermo del 12 aprile 2022.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: foto di Dedda71 – Opera propria, CC BY 3.0, da Wikimedia. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa in uso con la stessa licenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.