Premi “Invio” per andare al contenuto

Vittime Amianto alla Scala: assoluzione in Appello

La Quinta Sezione penale della Corte d’Appello presso il Tribunale di Milano ha confermato l’assoluzione per i quattro ex dirigenti del Teatro alla Scala in merito all’imputazione per l’omicidio colposo di alcuni lavoratori esposti ad amianto e poi deceduti per malattie asbesto-correlate prima che fossero effettuate le bonifiche degli ambienti.

Già nel 2021 gli imputati, un ex sovrintendente, un ex referente del Centro diagnostico italiano, un ex dirigente e un ex direttore tecnico, erano stati assolti dalla nona sezione penale del Tribunale milanese.

La pronuncia dei giudici di Appello è in linea con la sentenza di primo grado che non aveva riscontrato alcuna condotta omissiva che fosse addebitabile agli imputati quanto alla messa in opera delle tutele di sicurezza dal rischio amianto.

Le motivazioni della sentenza arriveranno entro 45 giorni. Tuttavia l’assoluzione prosegue la giurisprudenza ormai comune anche in altre sentenze relative ai decessi per esposizione e malattia da amianto in sede penale.

La tesi è che, poiché non sarebbe possibile stabilire esattamente quale esposizione sia stata determinante nel causare le malattie e non essendo neppure possibile definire la “dose soglia” oltre la quale s’inneschi il processo cancerogeno, allora neppure è individuabile la responsabilità di coloro che in quel preciso istante fossero stati in carico della predisposizione delle tutele di sicurezza (in questo caso presso il Teatro alla Scala).

Fonti e rassegna stampa

La notizia è stata diffusa da alcune testate giornalistiche online. Per un approfondimento si leggano in particolare gli articoli della redazione di ANSA e della redazione di metronews.it del 20 dicembre 2022.

Articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: Davide Oliva, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons. Modificata (ritagliata e rimensionata). Concessa in uso con la stessa licenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *