Premi “Invio” per andare al contenuto

Risarcimento Vittime Amianto nelle operazioni portuali. I contributi del Fondo Vittime Amianto per eredi e Autorità Portuali nella Circolare Inail n. 43/2022

È stato rinnovato anche per gli anni 2021 e 2022 il finanziamento di 10 milioni di euro all’anno del Fondo Vittime Amianto in favore degli eredi di coloro che sono deceduti a seguito di patologie asbesto-correlate per esposizione all’amianto nell’esecuzione delle operazioni portuali e delle Autorità Portuali.

La Circolare Inail n. 43 del 2 dicembre 2022 chiarisce beneficiari e modalità di accesso alle risorse del Fondo come stabilito dal decreto ministeriale 30 settembre 2022.

Destinatari del Fondo

I beneficiari del Fondo sono:

  • gli eredi di coloro che sono deceduti a causa di patologie per esposizione all’amianto nell’esecuzione delle operazioni portuali nei porti nei quali abbiano trovato applicazione le disposizioni della legge 27 marzo 1992, n. 257, e che siano destinatari del risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale a seguito di quanto disposto e liquidato con sentenza esecutiva o con verbale di conciliazione giudiziale.
  • le Autorità di sistema portuale soccombenti in sentenze esecutive, o debitrici in verbali di conciliazione giudiziale, che prevedano il risarcimento di danni patrimoniali e non patrimoniali in favore degli eredi di coloro che sono deceduti per patologie asbesto-correlate, compresi i lavoratori che non erano dipendenti diretti delle cessate organizzazioni portuali.

Modalità di presentazione delle domande di accesso al Fondo

Le domande devono essere presentate dagli aventi diritto ad Inail entro e non oltre il 16 gennaio 2023.

Modalità:

  • gli eredi dei lavoratori deceduti a causa di patologie asbesto-correlate devono compilare il modulo Domanda Erede lavoratore deceduto e trasmetterlo ad Inail, Direzione centrale rapporto assicurativo, all’indirizzo PEC dcra@postacert.inail.it. Oppure per posta raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Piazzale Giulio Pastore 6, 00141 Roma. Alla domanda deve essere allegata la copia autentica della sentenza esecutiva o del verbale di conciliazione giudiziale;
  • le Autorità di sistema portuale devono compilare il modulo Domanda Autorità di sistema portuale e il prospetto riepilogativo e trasmetterlo ad Inail, Direzione centrale rapporto assicurativo, all’indirizzo PEC dcra@postacert.inail.it allegando copia autentica delle sentenze esecutive e/o dei verbali di conciliazione giudiziale e la quietanza che dimostra l’avvenuto integrale o parziale pagamento di quanto dovuto agli eredi.

Oltre a presentare la domanda gli interessati dovranno darne comunicazione alla contro-parte (le Autorità di sistema portuale nel caso la domanda sia presentata dagli eredi dei lavoratori deceduti, gli eredi dei lavoratori nel caso la domanda sia presentata dall’Autorità di sistema portuale).

Gli importi da corrispondere saranno calcolati sulla base delle domande pervenute e accettate e le risorse disponibili.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: immagine di Jason Goh da Pixabay. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa in uso con licenza originaria. Immagine di repertorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *