Premi “Invio” per andare al contenuto

Continua il processo per le esposizioni all’amianto alla ex Firema

Riprenderà il processo per le esposizioni ad amianto alla ex Firema di Caserta, l’azienda produttrice di carrozze ferroviarie rilevata nel 2015 dalla società indiana Titagarh, che ha assunto la denominazione di Titagarh Firema SPA (TFA).

A fronte di un primo processo in cui il capo d’imputazione era stato quello di omissione colposa di tutele sulla sicurezza del lavoro questa volta l’accusa sarà di omicidio e lesioni colpose relative ai decessi ed alle malattie asbesto correlate insorte fra gli ex dipendenti dell’azienda.

A processo andranno i vertici dell’ex Firema fra amministratori delegati, direttori e managers.

Omissione delle misure di sicurezza  contro gli infortuni sul lavoro: la prima e la nuova imputazione nel processo Firema per le esposizioni ad amianto

Dalla prima indagine gli imputati erano usciti assolti in merito all’accusa di inosservanza delle cautele contro gli infortuni sul lavoro, ma adesso l’ufficio inquirente, la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, ha cambiato imputazione e si dovrà andare a nuovo giudizio.

Il giudice, sulla scia di una sentenza della Cassazione del 2016 relativa al caso Eternit, ha rigettato la richiesta dei legali degli imputati che rivendicavano l’improcedibilità dell’azione giudiziaria secondo il principio del ne bis in idem.

La sentenza della Cassazione infatti aveva sancito la liceità dell’imputabilità dell’interessato ad altro reato nonostante la condotta che lo aveva causato fosse stata la stessa del primo reato da cui questi era stato assolto.

Fonti e Rassegna Stampa

La notizia è stata diffusa su alcune testate giornalistiche online. Per approfondimenti si vedano in particolare l’articolo di A. P. su anteprima24.it e di A. N. su casertanews.it del 18 febbraio 2021.

Altri articoli correlati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: foto di Tuur Tisseghem da Pexels. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa con licenza originaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *