Premi “Invio” per andare al contenuto

Inchiesta amianto alla Firema. A giugno la requisitoria del pubblico ministero

In programma il prossimo 17 giugno la requisitoria del pubblico ministero presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere dopo la chiusura del dibattimento in merito all’inchiesta sul decesso di 19 operai dello stabilimento Firema di Caserta, colpiti da patologie collegate all’esposizione ad amianto.

A processo ci sono sette indagati fra ex dirigenti ed i due amministratori delegati dell’azienda attiva nella progettazione, costruzione e riparazione di materiale rotabile ferroviario.

Si tratta del secondo filone dell’inchiesta dopo che alcuni degli imputati erano usciti indenni dal primo processo dove si contestava il reato più lieve di rimozione e omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro.

Adesso invece l’accusa avanzata è l’omicidio colposo di 19 lavoratori dello stabilimento di Caserta deceduti nel tempo a causa di patologie asbesto-correlate.

Vittime amianto fra i lavoratori dell’Ex Firema di Caserta

Non sarebbero tuttavia solo 19 i lavoratori ad aver contratto patologie asbesto-correlate durante le attività presso lo stabilimento Firema di Caserta, società poi rilevata nel 2015 da un gruppo indiano e in seguito rinominata TFA (Titagarh Firema Adler).

Già ad inizio aprile infatti il giudice monocratico aveva stralciato la posizione di altri 82 lavoratori vittime di patologie dovute all’esposizione alle polveri di asbesto, che avrebbero voluto far valere le proprie ragioni nel processo bis.

La sentenza infatti aveva stabilito, per questi lavoratori ammalatisi diversi anni fa, il non doversi procedere per intervenuta prescrizione per le ipotesi di lesioni colpose (reato che si prescrive nel termine di 7 anni e mezzo).

Fonti e rassegna stampa

Per approfondimenti si legga in particolare l’articolo del 4 maggio 2022 di A. N. pubblicato su casertanews.it.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: immagine di Tuur Tisseghem da Pexels. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa in uso con licenza originaria. Immagine di repertorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.