Premi “Invio” per andare al contenuto

Presto un nuovo medicinale per il trattamento della Leucemia Mieloide Acuta

Il Comitato per i medicinali per uso umano dell’EMA ha dato parere positivo all’approvazione di un nuovo farmaco, glasdegib, per il trattamento della leucemia mieloide acuta.

Il farmaco, disponibile in compresse, era già stato approvato negli Stati Uniti nel novembre 2018.

Glasdegib sarà indicato per i pazienti adulti, affetti da leucemia mieloide acuta primaria o secondaria non candidabili alla chemioterapia d’induzione.

Il principio attivo ha dimostrato di poter migliorare la sopravvivenza complessiva in combinazione con la citarabina a basso dosaggio.

La leucemia mieloide acuta ed i fattori di esposizione professionale

La leucemia mieloide acuta è una neoplasia che si sviluppa nel midollo osseo a causa di errori e mutazioni che agiscono sulla corretta riproduzione delle cellule staminali.

L’esposizione ad alcune sostanze chimiche come il benzene e la formaldeide è annoverata dalla comunità scientifica fra le possibili cause della leucemia mieloide acuta insieme a quella agli antiblastici e/o chemioterapici.

Per questo motivo, poiché tali sostanze sono utilizzate in molti settori industriali e nel comparto sanitario, la leucemia mieloide acuta può essere una malattia professionale.

Tu o un tuo familiare avete contratto la leucemia mieloide acuta per probabile esposizione a benzene, formaldeide, antiblastici sul luogo di lavoro? Contattaci! Ti faremo ottenere un maxi-risarcimento

Come agisce Glasdegib nel trattamento della leucemia mieloide acuta

Il glasdegib agisce inibendo l’espressione di una particolare proteina presente sulla membrana delle cellule leucemiche.

In questo modo il farmaco ostacola lo sviluppo del tumore che si serve di tale proteina per la proliferazione cellulare.

I risultati dello studio clinico

Il parere positivo dell’Agenzia Europea del Farmaco è arrivato dopo i risultati dello studio clinico BRIGHT AML 1003 che ha arruolato più di 100 pazienti affetti da leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.

I pazienti rispondevano a uno dei seguenti requisiti: che avessero superato i 75 anni o non fossero candidabili, per altre patologie, alla chemioterapia d’induzione standard.

Lo studio randomizzato ha misurato gli effetti della somministrazione di glasdegib + citarabina a basse dosi in confronto alla sola citarabina a basse dosi sulla sopravvivenza complessiva dei pazienti.

I risultati della sperimentazione hanno mostrato che la sopravvivenza media dei pazienti trattati con glasdegib + citarabina a basso dosaggio è stata di 8.3 mesi. Di 4.3 mesi invece quella dei pazienti cui era stata somministrata la sola citarabina.

Altri articoli correlati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli riguardanti l’origine professionale delle leucemie, della leucemia mieloide e dei tumori del sistema emolinfopoietico:

Crediti immagine: foto di PublicDomainPictures da Pixabay. Modificata (ritagliata). Concessa con la stessa licenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *