Premi “Invio” per andare al contenuto

Mesotelioma pericardico e della tunica vaginale del testicolo. I risultati di un recente studio epidemiologico

Un recente studio epidemiologico, pubblicato sullo Scandinavian Journal of Work, Environment and Health, ha indagato l’associazione fra due rari tumori, il mesotelioma pericardico ed il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, e l’esposizione ad amianto, sia professionale che non professionale.

Lo studio ha riguardato i casi attestati fra il 1993 ed il 2015 nel ReNaM Registro Nazionale dei Mesoteliomi.

L’obiettivo dello studio è stato quello di verificare il tasso d’incidenza, la sopravvivenza media, i fattori prognostici favorevoli e l’associazione di queste due neoplasie con l’esposizione ad amianto.

I risultati dello studio sui casi ReNaM 1993-2015 di mesotelioma pericardico e mesotelioma della tunica vaginale del testicolo. L’associazione con l’esposizione ad amianto

L’analisi condotta dallo studio sui casi di mesotelioma del pericardio e del testicolo nel Registro ReNaM fra il 1993 ed il 2015 ha prodotto i seguenti risultati:

  • ci sono stati 58 casi di mesotelioma pericardico (20 donne e 38 uomini) con una incidenza annua di 0.049 per gli uomini e 0.023 per le donne su un milione di abitanti;
  • 80 casi di mesotelioma della tunica vaginale del testicolo con una incidenza annua di 0.095 su un milione di abitanti;
  • c’è una associazione statistica fra esposizione professionale ad amianto e neoplasie: mesotelioma pericardico (rapporto incrociato 3.68), mesotelioma della tunica vaginale del testicolo (rapporto incrociato 3.42);
  • la sopravvivenza media è stata di 2.5 mesi per il mesotelioma pericardico e 33 mesi per il mesotelioma della tunica vaginale del testicoli;
  • l’età è stato il solo fattore predittivo quanto alla sopravvivenza.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: foto di Omni Matryx da Pixabay. Modificata (ritagliata). Concessa con la stessa licenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *