Premi “Invio” per andare al contenuto

Le malattie professionali nell’industria chimica

INAIL e Federchimica hanno recentemente pubblicato il volume “Analisi statistica sugli infortuni e sulle malattie professionali e strumenti a sostegno delle politiche di prevenzione per l’industria chimica”.

Le malattie professionali del settore chimico denunciate nel decennio 2010-2019 sono state 1953. Di queste solo il 40.8% dei casi sono stati accertati dall’INAIL, che è stata in grado di stabilire un nesso causale positivo fra attività effettivamente svolta dal lavoratore e patologia.

Malattie professionali del settore chimico per tipo di patologia (2010-2019)

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Rapporto INAIL Analisi statistica sugli infortuni e sulle malattie professionali e strumenti a sostegno delle politiche di prevenzione per l'industria chimica, rilevazione decennio 2010-2019.

Le malattie professionali riconosciute più frequenti nel settore dell’industria chimica nel decennio 2010-2019 sono state quelle dell’apparato osteomuscolare e del tessuto connettivo con 282 casi (35,6%). Seguono:

  • malattie del sistema respiratorio: 156 casi (19.7%)
  • malattie dell’orecchio e dell’apofisi mastoide: 127 casi (16%)
  • tumori: 126 casi (15.9%)
  • altro (determinato): 101 casi (12.8%)

I tumori professionali nell’industria chimica (2010-2019)

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Rapporto INAIL Analisi statistica sugli infortuni e sulle malattie professionali e strumenti a sostegno delle politiche di prevenzione per l'industria chimica, rilevazione decennio 2010-2019.

Nel decennio 2010-2019 l’INAIL ha accertato 126 casi di tumori di origine professionale:

  • tumore maligno di tessuto mesoteliale e dei tessuti molli: 57 casi (45.2%)
  • tumori maligni dell’apparato respiratorio e degli organi intratoracici: 50 casi (39.7%)
  • tumori maligni dell’apparato urinario: 11 casi (8.7%)
  • tumore maligno del tessuto linfatico, ematopoietico e tessuti correlati: 8 casi (6.3%)

Malattie professionali respiratorie in Italia nel settore chimico per comparto produttivo (2015-2019)

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Rapporto INAIL Analisi statistica sugli infortuni e sulle malattie professionali e strumenti a sostegno delle politiche di prevenzione per l'industria chimica, rilevazione quinquennio 2015-2019.

Nel quinquennio 2015-2019 l’INAIL ha accertato 59 casi di malattie respiratorie di origine professionale, attribuibili ad esposizione a sostanze nocive nei seguenti comparti produttivi di fabbricazione ordinati per numero di occorrenze:

  • prodotti chimici di base,  fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie (gruppo Ateco C20.1): 30 casi
  • saponi e detergenti, prodotti per la pulizia e la lucidatura, profumi e cosmetici (gruppo Ateco C 20.4): 8 casi
  • altri prodotti chimici (gruppo Ateco C 20.5, escluso il 20.51 fabbricazione di esplosivi): 8 casi
  • fibre sintetiche e artificiali (gruppo Ateco C 20.6): 7 casi
  • pitture, vernici e smalti, inchiostri da stampa e adesivi sintetici (gruppo Ateco C 20.3): 3 casi
  • prodotti farmaceutici di base (gruppo Ateco C 21.1): 2 casi
  • agrofarmaci e altri prodotti chimici per l’agricoltura (gruppo Ateco C 20.2): 1 caso

Tumori professionali in Italia nel settore chimico per comparto produttivo (2015-2019)

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Rapporto INAIL Analisi statistica sugli infortuni e sulle malattie professionali e strumenti a sostegno delle politiche di prevenzione per l'industria chimica, rilevazione quinquennio 2015-2019.

Nel quinquennio 2015-2019 l’INAIL ha accertato 50 casi di tumori di origine professionale, attribuibili ad esposizione a sostanze nocive nei seguenti comparti produttivi e di fabbricazione ordinati per numero di occorrenze:

  • prodotti chimici di base, fertilizzanti e composti azotati, materie plastiche e gomma sintetica in forme primarie (gruppo Ateco C  20.1): 27 casi
  • fibre sintetiche e artificiali (gruppo Ateco C 20.6): 9 casi
  • pitture, vernici e smalti, inchiostri da stampa e adesivi sintetici (gruppo Ateco C 20.3): 7 casi
  • altri prodotti chimici (gruppo Ateco C 20.5, escluso il 20.51 fabbricazione di esplosivi): 4 casi
  • saponi e detergenti, prodotti per la pulizia e la lucidatura, profumi e cosmetici (gruppo Ateco C 20.4): 3 casi

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: foto di ivabalk da Pixabay. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Foto di repertorio. Concessa in uso con licenza originaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *