Premi “Invio” per andare al contenuto

Legge di bilancio 2023. Aumentano la prestazione aggiuntiva alla rendita per malattia professionale da amianto e l’importo per mesotelioma ambientale

Secondo quanto previsto da un emendamento alla Legge di Bilancio 2023, a nome dei deputati D. S. e F. F. del Partito Democratico, ci sarà un aumento dal 15 al 17 per cento dell’importo della prestazione aggiuntiva del Fondo Vittime Amianto sulle rendite per malattia professionale o ai superstiti, causate da esposizione ad amianto, a partire dal 1 gennaio 2023.

Lo prevede l’emendamento (n. 56.05) firmato dal Gruppo PD Italia Democratica e Progressista che stabilisce anche l’aumento dell’indennizzo una tantum per gli ammalati di mesotelioma ambientale e familiare o per i loro eredi per le malattie diagnosticate dal 1 gennaio 2021.

L’importo passerà infatti dagli attuali 10.000 euro a 15.000 euro dal 1 gennaio 2023. Il diritto potrà essere fatto valere entro 3 anni dall’accertamento della malattia.

Sei stato esposto ad amianto sul lavoro e tu o un tuo familiare avete contratto un mesotelioma? Contattaci per assistenza legale.

56.05 Serracchiani (PD) l’Inail, attraverso il Fondo per le vittime dell’amianto, eroga ai soggetti già titolari di rendita erogata per una patologia asbesto-correlata riconosciuta dallo stesso Inail o dal soppresso Istituto di previdenza per il settore marittimo, ovvero, in caso di soggetti deceduti, ai superstiti, una prestazione aggiuntiva nella misura percentuale elevata al 17 per cento della rendita in godimento a decorrere dal 1° gennaio 2023.

Per gli eventi accertati a decorrere dal 1° gennaio 2021, l’Inail, tramite il Fondo per le vittime dell’amianto, eroga ai malati di mesotelioma, che abbiano contratto la patologia per esposizione familiare a lavoratori impegnati nella lavorazione dell’amianto ovvero per esposizione ambientale, una prestazione di importo fisso elevato a 15.000 a decorrere dal 1° gennaio 2023 da corrispondere in un’unica soluzione su istanza dell’interessato o degli eredi in caso di decesso. L’istanza è presentata a pena di decadenza entro tre anni dalla data dell’accertamento della malattia.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: foto di cottonbro studio da Pexels. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa in uso con licenza originaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *