Premi “Invio” per andare al contenuto

Infermiere deceduto di fibrosi polmonare di sospetta origine professionale: negato il risarcimento

La Corte d’Appello di Firenze ha confermato la decisione di primo grado che aveva respinto la richiesta di risarcimento per esposizione ad amianto della moglie e della figlia di un ex infermiere dell’ex ospedale psichiatrico di Maggiano, deceduto a causa di una fibrosi polmonare (supposta asbestosi dai richiedenti causa).

L’uomo aveva lavorato presso la struttura per oltre 30 anni ma secondo i giudici sarebbe sarebbe potuto venire a contatto con il materiale cancerogeno solo saltuariamente, in occasione di attività di manutenzione, in particolare nei locali delle caldaie dove l’asbesto avrebbe potuto essere presente.

In particolare la rinnovata CTU (Consulenza Tecnica d’Ufficio) in secondo grado, tenuto conto delle attività e delle specifiche mansioni, avrebbe stimato una possibile esposizione cumulativa di poco superiore a 5 fibre all’anno mentre la soglia limite di esposizione stabilita per legge per la valutazione dell’insorgenza di asbestosi è almeno di 21 fibre all’anno.

Un tuo familiare si è ammalato di una patologia respiratoria per esposizione a cancerogeni sul luogo di lavoro? Potresti avere diritto ad un maxi-risarcimento. Contattaci! Consulenza gratuita al 3339035421

Nell’impossibilità di ripetere esami fondamentali inoltre non si poteva escludere secondo i giudici, a fronte di una possibile esposizione presso l’ospedale, un’altra causa all’origine della patologia del lavoratore il cui quadro clinico sarebbe per di più stato compatibile con quello di una fibrosi polmonare idiopatica piuttosto che con l’asbestosi.

Fonti e rassegna stampa

La notizia è stata diffusa da alcuni portali di notizie online. Per un approfondimento si legga in particolare l’articolo di V. B. su luccaindiretta.it del 30 giugno 2023.

Altri articoli d’interesse

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine: immagine di Enriscar da Wikipedia. Modificata (ritagliata e ridimensionata). Concessa in uso con licenza originaria CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *