Premi “Invio” per andare al contenuto

Esposizione ad agenti cancerogeni sul lavoro in Europa: la survey

L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) ha condotto una indagine, il Workers’ Exposure Survey on cancer risk factors in Europe (WES) in sei paesi dell’UE per valutare come i lavoratori siano esposti a 24 potenziali cause di cancro.

Il WES stima l’esposizione dei lavoratori a sostanze chimiche industriali, sostanze generate durante i processi e fattori di rischio fisici attraverso un questionario che analizza la presenza di fattori di rischio per il lavoratore nell’ultima settimana lavorativa.

I risultati del WES saranno utili per futuri cambiamenti normativi relativi alla presenza di cancerogeni sul luogo di lavoro e contribuiranno agli sforzi di prevenzione contro i tumori professionali.

Questo sforzo è in linea con gli obiettivi del Quadro Strategico dell’UE sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Il Quadro è focalizzato sul miglioramento della prevenzione delle malattie professionali, in particolare dei tumori.

Il Workers’ Exposure Survey (WES) ha coinvolto 24.402 lavoratori che hanno risposto alla survey in sei paesi dell’UE, con un’ampia varietà di settori rappresentati.

La distribuzione per genere è risultata sbilanciata, con il 62% di lavoratori maschi e il 38% di lavoratrici femmine. Le categorie di lavoro con più lavoratori includevano operatori sanitari, lavoratori nel settore edile e lavori legati all’industria alimentare.

Circa il 70% dei partecipanti erano lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato. Il 14,4% erano lavoratori autonomi e l’11,4% aveva un contratto a tempo determinato. La maggioranza dei rispondenti lavorava in micro e piccole imprese.

Sei stato esposto a cancerogeni sul lavoro e hai sviluppato una malattia professionale? potresti avere diritto ad un maxi-risarcimento. Contattaci per una consulenza gratuita al 3339035421

La ricerca è suddivisa in tre parti:

Esposizioni più comuni

I principali fattori di rischio cancerogeni rilevati nel sondaggio sono stati

  • la radiazione solare UV
  • le emissioni di gas di scarico diesel
  • il benzene
  • la silice cristallina respirabile (RCS)
  • la formaldeide

RCS, emissioni di gas di scarico diesel e polveri di legno sono i fattori con  le più alte percentuali di lavoratori potenzialmente esposti a livelli significativi (come illustrato nel grafico sottostante).

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA), rilevazione 2023.

La maggioranza dei lavoratori (52,6%) non è stata esposta a nessuno dei 24 fattori di rischio cancerogeni durante l’ultima settimana lavorativa. Tuttavia il 21,2% è stato valutato come esposto a uno di essi e il 1,9% a più di cinque.

Tra gli esposti a un fattore di rischio, il 14% lavorava nell’industria manifatturiera, il 14% nel settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio,  il 13% nei settori sanitario e dell’assistenza sociale.

Percentuale di lavoratori probabilmente esposti a più cancerogeni

Usa il pulsante in alto a destra per copiare il codice di embed e utilizza liberamente il grafico sul tuo sito web! Infografica a cura di Risarcimento Malattie Professionali. Fonte dei dati: Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA), rilevazione 2023.

Esposizioni multiple sono risultate comuni nei settori:

  • estrazione,
  • costruzioni
  • lavoratori di cave e miniere
  • stazioni di servizio
  • lavoratori edili e stradali
  • lavoratori dell’arredamento,
  • forestali e nell’industria del legno
  • saldatori e calderai
  • operai edili
  • pompieri
  • autisti e lavoratori del trasporto
  • lavoratori dell’industria della gomma e della plastica.

Circostanze dell’esposizione

Il WES fornisce dettagli sulle diverse situazioni di esposizione a ciascun fattore di rischio cancerogeno durante l’ultima settimana lavorativa.

Per cinque delle esposizioni professionali più comuni valutate nel WES, lo studio fornisce alcuni dettagli sulla popolazione coinvolta e sulle circostanze di esposizione.

Esposizione alla radiazione solare UV

Il 20,8% dei lavoratori è stato valutato come esposto alla radiazione solare UV (compresa l’esposizione oculare), che rappresenta l’esposizione più frequente tra i partecipanti al sondaggio.

Questa esposizione è stata riscontrata in tutti i tipi di lavoro, in particolare tra i lavoratori all’aperto, come quelli del settore edile, agricoltori, autisti e lavoratori del trasporto, e operatori dei servizi di protezione.

Una circostanza che comporta una probabile esposizione elevata alla radiazione solare UV è rappresentata dal lavoro con o vicino alla neve senza protezione agli occhi.

Esposizione a gas di scarico diesel

Uno su cinque lavoratori è stato valutato come esposto alle emissioni di gas di scarico dei motori diesel, principalmente a un livello basso.

La maggior parte dei lavoratori delle stazioni di servizio di benzina e gas, i lavoratori delle miniere e cave, i lavoratori della costruzione stradale e della manutenzione, e i conducenti e lavoratori del trasporto sono risultati probabilmente esposti a questo rischio.

Le principali circostanze che comportano una probabile esposizione elevata a tali emissioni includono la guida di veicoli diesel all’interno di edifici (o sottoterra in una miniera) e l’omissione di adeguate misure di protezione durante la manutenzione di veicoli diesel.

Esposizione a benzene

Il 13% dei lavoratori è stato valutato come esposto al benzene.

Molti lavoratori delle stazioni di servizio di benzina e gas, i lavoratori della costruzione stradale e della manutenzione, e i pompieri erano probabilmente esposti a questo rischio.

Le principali circostanze che comportano una probabile esposizione al benzene includevano:

  • il rifornimento di veicoli con benzina come parte del lavoro
  • l’esecuzione di lavori di manutenzione su veicoli usando benzina.

Esposizione a silice cristallina respirabile

L’8,4% dei lavoratori è stato valutato come esposto alla silice cristallina respirabile (RCS).

Tra tutti i lavoratori probabilmente esposti a RCS, più di due su cinque erano lavoratori del settore edile.

Più del 90% dei lavoratori delle miniere e cave e della costruzione e manutenzione stradale erano probabilmente esposti a RCS durante l’ultima settimana lavorativa, così come il 79% dei lavoratori della produzione di ceramica.

Le principali circostanze che comportano una probabile esposizione elevata a RCS includono modalità inadeguate di pulizia della polvere di sabbia sul luogo di lavoro e lavori con materiali contenenti RCS.

Esposizione a formaldeide

Il 6,4% dei lavoratori è stato valutato come esposto alla formaldeide.

Più di due su cinque lavoratori risultavano nelle seguenti categorie di lavoro: lavoratori dell’industria dell’arredamento, fioristi, pompieri e lavoratori che producono/riparano calzature o beni in pelle finita.

Le principali circostanze che comportano una probabile esposizione al formaldeide includono l’uso di colle epossidiche a due componenti e il lavoro con materiali contenenti formaldeide.

Esposizione e condizioni di lavoro

Considerando la presenza o assenza di esposizione, i lavoratori in piccoli o micro luoghi di lavoro (con meno di 50 dipendenti) sono risultati avere una probabilità 1,3 volte superiore di essere esposti a uno o più fattori di rischio cancerogeni rispetto ai lavoratori in luoghi di lavoro di dimensioni medie o grandi.

Inoltre, mentre i lavoratori impiegati a tempo parziale (meno di 30 ore a settimana) hanno riscontrato meno esposizioni multiple rispetto alla media, la percentuale di lavoratori con esposizioni multiple probabili aumentava significativamente per coloro che lavoravano più di 50 ore a settimana.

Altri articoli collegati

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Crediti immagine di copertina: foto di 习超 刘 da Pexels. Modificata (ritagliata). Concessa con licenza originaria Pexels. Immagine di repertorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *