Premi “Invio” per andare al contenuto

Anticorpi e luce ad infrarossi per combattere il Mesotelioma Pleurico

Un gruppo di ricercatori della Nagoya University ha pubblicato i risultati di un nuovo promettente trattamento per il mesotelioma pleurico maligno basato su immunoterapia ed infrarossi (NIR-PIT: near-infrared photoimmunotherapy).

Lo studio, dopo la sperimentazione su topi ed in vitro, è stato recentemente pubblicato sulla rivista Cells.

La tecnica utilizzata ed i risultati

La tecnica utilizzata dai ricercatori combina due approcci.

Prima di tutto un anticorpo monoclonale, somministrato per infusione, individua e si ‘aggancia’ ad una particolare proteina presente sulla membrana del mesotelioma pleurico: la podoplanina.

La podoplanina è presente su molti tipi di cellule ma è anche ben espressa nelle cellule neoplastiche del mesotelioma.

In seguito i ricercatori ‘armano’ l’anticorpo con un particolare farmaco, mirato a distruggere le cellule tumorali, che viene attivato attraverso la luce ad infrarossi, rivolta verso la sede del tumore.

La tecnica degli infrarossi sarebbe particolarmente indicata per il trattamento del mesotelioma pleurico, poiché, essendo i polmoni pieni d’aria, ci sarebbe un’ottima capacità di trasmissione della luce.

Inoltre la terapia sarebbe mirata e non coinvolgerebbe, se non in minima parte, le cellule sane.

Ulteriori studi tuttavia sono necessari, a detta dei ricercatori, per confermare la non pericolosità del trattamento.

I risultati della sperimentazione della tecnica basata su immunoterapia ed infrarossi per la cura del mesotelioma pleurico

I risultati della sperimentazione hanno mostrato sui topi oggetto di test una riduzione del tumore in confronto ad un altro gruppo di ratti utilizzati come gruppo di controllo.

Altri articoli correlati

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

Crediti immagine: foto di Darko Stojanovic da Pixabay. Modificata (ritagliata). Concessa con la stessa licenza. Immagine di repertorio.

Disclaimer medico: Risarcimento Malattie Professionali non è un sito web di notizie mediche. Pertanto le informazioni riportate potrebbero essere imprecise. A questo proposito vedi il nostro disclaimer medico.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *